Ss.Pietro e Paolo (domenica 29.06.08)

FORTI COME MATTONI!    Solennità dei Santi Pietro e Paolo Apostoli In quel tempo, Gesù, giunto nella regione di Cesarèa di Filippo, do­mandò ai suoi discepo­li: « La gente, chi dice che sia il Figlio dell’uo­mo? » . Risposero: « Alcu­ni dicono Giovanni il Battista, altri Elìa, altri Geremìa o qualcuno dei profeti » . Disse loro: « Ma voi, … Continua a leggere

L’amara “luna di fiele” dello stratega del sorriso

editoriale di Famiglia Cristiana http://www.sanpaolo.org/fc/0826fc/0826fc03.htm DALLA MANOVRA FINANZIARIA SOLO “CARITÀ DI STATO” PER LE FAMIGLIE Novità della manovra finanziaria è la “carta per i pensionati”, finanziata con la Robin Hood Tax, che colpirà i petrolieri. Ma questa tassa, dove è stata proposta, è sempre fallita. Il Cavaliere ha un’ossessione: i magistrati. E una passione: gli avvocati. Naturalmente, i primi sono … Continua a leggere

Al mondo è necessario l’imperio della forza

di Vito Mancuso in “il Foglio” del 22 giugno 2008 Tre domande e una conclusione. La prima domanda: è giusto che il Papa riceva il presidente americano George Bush, principale responsabile di una guerra basata sulla menzogna delle armi di distruzione di massa, principale responsabile di chissà quante migliaia di morti, di famiglie distrutte, di corpi per sempre deformi e … Continua a leggere

XII domenica del T.O. (22.06.08)

Matteo (10,26-33) In quel tempo, Gesù disse ai suoi apostoli: «Non abbiate paura degli uomini, poiché nulla vi è di nascosto che non sarà svelato né di segreto che non sarà conosciuto. Quello che io vi dico nelle tenebre voi ditelo nella luce, e quello che ascoltate all’orecchio voi annunciatelo dalle terrazze. E non abbiate paura di quelli che uccidono … Continua a leggere

Tettamanzi: “Siate più gentili e salutatevi”

di Susanna Marzolla in “La Stampa” del 20 giugno 2008 «Buongiorno come sta?»; «Prego, si accomodi»; «Posso aiutarla?». Quante volte si sentono pronunciare queste frasi un po’ retrò, magari accompagnate da un sorriso? Poche, pochissime. Oggi è assai più facile incrociarsi senza neanche un saluto, trovare chi ti passa avanti in malo modo, vedere ragazzi seduti sull’autobus indifferenti all’anziano barcollante … Continua a leggere

Amo Gesù, più di Dio perché mi ha insegnato a essere un uomo libero

di Ermanno Olmi in “Corriere della Sera” del 20 giugno 2008 Ho sempre sentito la figura di Cristo come un amico, un punto di riferimento, ma, più ancora, come qualcuno che per tutta la vita mi è stato col fiato sul collo. Non si tratta della sua immagine codificata dalla religione, né del suo significato di uomo divino, di Figlio … Continua a leggere

Marco Travaglio – Cortina di ferro per i delinquenti

fonte: www.beppegrillo.it Riporto il testo integrale dell’intervento di Marco Travaglio: “Buongiorno a tutti. Mi dispiace, ma dobbiamo ricominciare a parlare di intercettazioni, perché questo è quello che offre il convento e quello che chiedono anche gran parte dei frequentatori del blog di Beppe e del blog nostro – voglioscendere – e di tanti altri che si stanno sintonizzando con noi, … Continua a leggere

Tutti in coda per la moda

fronte: http://www.donboscoland.it/articoli/visualizzaarticolo.pax?idrealta=1&ID=123769  Just for fashion. È solo moda. Ma incide, scava, divide, cataloga, classifica. Senza di lei non sapremmo chi siamo, chi sei, chi sono. Perché la moda è il primo biglietto da visita che abbiamo per stare in società. E i giovani lo sanno. Purtroppo.  “La differenza fondamentale tra gli studenti di ieri e quelli di oggi è che … Continua a leggere

Perché il sale cristiano abbia sapore (E.Bianchi)

di Enzo Bianchi in “La Stampa” del 15 giugno 2008 Nel faticoso procedere del dibattito sulla presenza dei cristiani nella società, sulla loro influenza e visibilità e sulla laicità delle istituzioni si avverte a volte il rischio di un fraintendimento delle rispettive posizioni, una precomprensione di alcuni termini o l’applicazione al linguaggio dell’altro di schemi mentali che non gli appartengono. … Continua a leggere

Il mio Dio

Il mio Dio non è un Dio duro, impenetrabile, insensibile, stoico, impassibile. Il mio Dio è fragile. È della mia razza. E io della sua. Lui è uomo e io quasi Dio. Perché io potessi assaporare la divinità lui amò il mio fango. L’amore ha reso fragile il mio Dio. Il mio Dio conobbe l’allegria umana, l’amicizia, il gusto della … Continua a leggere