“Troppe situazioni inaccettabili”

di Giacomo Galeazzi, LA STAMPA 13.09.09

Intervista a Vittorio Messori

 Vittorio Messori, a chi è diretto il monito contro il carrierismo episcopale di Benedetto XVI?

«Lo dico con un sorriso un po’ amaro: nell’Occidente secolarizzato c’è poco da esortare i vescovi a non fare i loro interessi. Sono quasi dei paria. In Francia, Spagna, Olanda e Belgio non contano più nulla, anzi sono visti con gran sospetto o, peggio ignorati come sopravvissuti da tollerare. Sotto Zapatero si fa di tutto per non invitarli alle occasioni ufficiali, in Francia è addirittura vietato dalla legge e la situazione è la stessa altrove. Il problema del servirsi della Chiesa invece di servirla può riguardare oggi, credo, soprattutto l’Africa e l’America Latina, dove lo status del sacerdote, e soprattutto del vescovo, è un sogno per molti dei giovani poveri locali, che anche per questo affollano i seminari. Il vescovo nel Terzo Mondo, dove la religiosità è intensa e le autorità civili screditate, è spesso ancora all’apice della scala sociale. Direi quasi come nell’Europa dell’Ancien Régime».

Il Pontefice denuncia gravi problemi interni della Chiesa. Qual è la situazione in Italia?

«Il problema per i vescovi, più che in Italia (dove il presenzialismo clericale è alto, eppure il potere effettivo debole) soprattutto nel resto d’Occidente, non è fare carriera ma sopravvivere. Nell’Europa centrale e settentrionale, ma particolarmente in Francia e Germania, stanno accorpando molte diocesi perché non sono più in grado di amministrarsi per mancanza di clero e gli antichi episcopi sono messi sul mercato. In queste condizioni, che peso sociale possono avere e di che lustrini potrebbero ammantarsi? Forse, le preoccupazioni del Papa sono altrove».

“Troppe situazioni inaccettabili”ultima modifica: 2009-09-14T20:21:02+00:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su ““Troppe situazioni inaccettabili”

  1. Questo “STOLTO” DI VITTORIO MESSORI continua a confondere volutamente PEDOFILIA con OMOSESSUALITA’ (e dimentica che i casi di pedofilia eterosessuale, cioè con bambine era superiore a quella con bambini )
    LO FA APPOSTA nella SUA CROCIATA CIELLINA CONTRO I GAY E LE LESBICHE RELIGIOSI?
    E’ BEN ORA DI FARGLIELA FINIRE A QUESTO ENERGUMENO QUA!
    non è la prima volta e continua imperterrito!
    CONFONDE VOLUTAMENTE PER CREARE DISSIDI E SUSCITARE CROCIATE OMOFOBE!

    + Giovanni Climaco MAPELLI Arcivescovo
    e i Teologi del CENTRO STUDI TEOLOGICI di MILANO – Centro Ecumenico

Lascia un commento