Torniamo sulla strada di Betlemme (Enzo Bianchi)

La Stampa, 24 dicembre 2011 di ENZO BIANCHI    “Non dimenticate l’ospitalità: alcuni, praticandola, hanno accolto degli angeli senza saperlo”. Questa esortazione della Lettera agli Ebrei – che fa riferimento alla vicenda di Abramo che a Mamre accolse tre pellegrini stranieri rivelatisi poi messaggeri di Dio – ci offre una chiave di lettura del Natale e del suo senso nella … Continua a leggere

“IL NATALE IN TEMPO DI CRISI: COME UNA COMUNITÀ PUÒ RECUPERARE IL SENSO DELLA FESTA” di mons. Vittorio Nozza – direttore Caritas Italiana

http://pietrevive.blogspot.com/   Pochi giorni al 25 dicembre 2011. È il tempo dell’attesa, dei preparativi per lasciare che Qualcuno entri nella nostra vita. Come succede in una casa che aspetta la nascita di un figlio: c’è da fare spazio, un letto da preparare, del tempo da dedicare alla nuova vita: non a caso il mistero dell’incarnazione ci viene raccontato dalla culla di Betlemme. Anche … Continua a leggere

Il consumismo offende il senso del Natale. No a ipocrisie e false promesse di felicità – di Carlo Maria Martini

Oggi il Natale ha quasi perduto il suo senso originario. Lo «celebrano» anche uomini di altre religioni. Perfino parecchi non credenti vivono in questo giorno una qualche forma di liturgia profana. Non v’è alcuno che rifiuti per Natale qualche dono o almeno una buona cena. Per questo non parlo volentieri del Natale. Da quando ho conosciuto un po’ meglio la … Continua a leggere

Il nostro tempo per gli altri

di Enzo Bianchi la Repubblica, 23 dicembre 2010 Arrivano le feste, ma con esse anche una domanda sempre più pertinente: siamo ancora capaci di fare festa? Riusciamo ancora a segnare un tempo come festivo, diverso dal feriale quotidiano? E, se e quando ci riusciamo, di cosa abbiamo bisogno per distinguerlo dalle ormai sempre più numerose occasioni che abbiamo per festeggiare, … Continua a leggere

Il futuro colorato di speranza (E.Bianchi)

La Stampa, 24 dicembre 2009 Il bilancio che ciascuno di noi fa sui dodici mesi trascorsi è sempre condizionato dalle aspettative che aveva nutrito nell’anno precedente e, specularmente, orienta le speranze per l’anno a venire, soprattutto quando ci veniamo a trovare alla fine di un decennio: allora attese e disillusioni si fanno più forti, quasi che il misurare il tempo … Continua a leggere