Perchè serve un giorno di festa (E.Bianchi)

La Stampa, 29 aprile 2012 Le recenti polemiche sull’apertura di negozi e centri commerciali alla domenica e nelle festività civili come il 25 aprile o il 1° maggio ci porta a riflettere su una delle grandi conquiste registratesi in occidente, grazie soprattutto all’ebraismo e al cristianesimo: l’affermazione di un giorno settimanale – il sabato per gli ebrei, il giorno dopo, … Continua a leggere

Il giorno che celebra la vittoria dell’amore

La Stampa, 8 aprile 2012di ENZO BIANCHI In questi giorni di Pasqua emerge con forza la singolarità del cristianesimo tra tutte le religioni, ma emerge con forza anche ciò che nella fede cristiana appare uno “scandalo” e una “follia” per gli uomini religiosi e per quelli che si ritengono autosufficienti nel loro pensare. Va riconosciuto: le altre feste cristiane, con … Continua a leggere

Il tempo opportuno

di Mauro Cozzoli, Avvenire, 22.2.12 La Quaresima in uno scenario di crisi. Economica e non solo  La scansione liturgica del tempo non è un fluire parallelo a quello dei giorni e delle stagioni, né alieno agli eventi che in essi accadono. Il tempo di Dio, tempo­kairos, intercetta e interseca il tempo degli uomini, tempo­kronos, volgendolo in tempo di grazia e … Continua a leggere

“La quiete e il valore delle parole” di Enzo Bianchi

Ai nostri giorni siamo invasi dalle parole, dal rumore, dalle chiacchiere, al punto che l’inquinamento sonoro può ormai essere annoverato tra i problemi ecologici. Nella società cacofonica in cui viviamo, inoltre, la parola è diventata quasi uno strumento obbligato per l’affermazione e la celebrazione di se stessi, anche a costo di assumere forme quanto mai aggressive e capaci di ferire: … Continua a leggere

Il vuoto riempito da Jobs chiede risposte cristiane

di Riccardo Bigi, http://www.toscanaoggi.it/notizia_3.php?IDCategoria=207&IDNotizia=14868 12.10.11 La morte di Steve Jobs, il creatore della Apple, il visionario che ha sfondato una dopo l’altra le frontiere della tecnologia informatica, ne ha messo in risalto la figura non solo di geniale inventore, ma anche di «guru», di leader spirituale a cui tanti si ispirano. «Siate affamati, siate folli» è lo slogan (da lui stesso … Continua a leggere

Ammiravo Karol Wojtyla. Ero più vicino a Papa Luciani

di Carlo Maria Martini CORRIERE DELLA SERA di domenica 29 maggio 2011  Eminenza, grande è la mia preoccupazione per il futuro dei nostri figli, che non saranno – purtroppo – fortunati come quelli della mia generazione (ho 61 anni): non si vede davanti a loro un avvenire di speranza. Il lavoro è la causa prima a cui segue la difficoltà … Continua a leggere

Insalata e niente pranzo, i cattolici del digiuno

di Agostino Gramigna, Corriere della Sera, 10.3.11 Iniziata la Quaresima, il giornale dei vescovi chiede una nuova sobrietà. La tradizione si incrocia con il desiderio di andare oltre “obesità e delusioni”  C’è scritto chiaro e tondo nel Vangelo (parole di Gesù): «Quando digiunate profumatevi il capo e lavatevi la faccia». Il precetto non aveva valore estetico. Era per non dare … Continua a leggere

Quei falò che scaldano l’anima (E. Bianchi)

La Stampa, 15 agosto 2010 Quelle fiamme un po’ mi mancano: fiamme insolite, slegate dall’esigenza di scaldare o di cucinare, estranee all’atmosfera domestica del camino, eppure così familiari… Sono i falò, fuochi che si accendevano per rendere festoso l’inizio e la fine dell’estate, nelle notti delle vigilie di san Giovanni Battista, il 24 giugno, e della “Madonna d’agosto”, cioè l’Assunta … Continua a leggere

Perchè uomini e animali sono compagni di viaggio (E.Bianchi)

di Enzo Bianchi, La Repubblica, 14 maggio 2010 Secondo il libro della Genesi l’uomo, in cui è immesso da Dio un soffio di vita che lo rende vivente, è preso e posto in un giardino «perché lo coltivi e lo custodisca». Qui germogliano altre creature e qui vengono creati gli animali, perché «non è bene che l’uomo sia solo» (Gen … Continua a leggere