CINEMA: Box office e GUIDA ai film in circolazione

A partire dalla classifica dei maggiori incassi durante il week-end da venerdì 9 gennaio 2009 si offrono alcuni spunti per poter valutare i film in circolazione nelle sale.

Il film della settimana: SETTE ANIME

 

Massacrato dalla critica e snobbato dal pubblico in America, Sette Anime trova invece una partenza bruciante in Italia. Stavolta il detto “Nemo profeta in patria” funziona al contrario e Muccino trova conforto tra le mura amiche, in attesa del sequel dell’Ultimo bacio. 4 milioni permettono al film di ottenere il primo posto davanti all’altra new entry molto attesa: Yes Man. Carrey parte con il piede giusto e 2.6 milioni di euro. Sul podio resiste Madagascar 2, che raggiunge quota 24 milioni, proprio come Natale a Rio, quarto, ma già alla fine della sua corsa. Alla fine, per il primo posto assoluto dovrebbe spuntarla il cartoon Dreamworks che sembra avere il fiato più lungo e deve recuperare solo una manciata di euro.

Discreta la partenza di Matrimonio all’inglese, che esordisce con 600mila euro, mentre il resto della top è ancora dominato, crediamo per l’ultima settimana, dai titoli di Natale, con l’eccezione di Lasciami Entrare che esordisce malissimo, non riuscendo nemmeno a superare i 300mila. Curioso come in Italia i pochi horror di buona qualità vengano snobbati mentre titoli molti peggiori dello stesso genere ottengano un buon successo. Da segnalare la strepitosa media per sala, quarta su venti film, del film di animazione Valzer con Bashir, trionfatore ai Golden Globe come film straniero e capace di battere il nostro Gomorra. Il film è assolutamente splendido e speriamo in una veloce entrata nella top ten. La prossima settimana arrivano Beverly Hills Chihuahua, il kolossal Australia, Appaloosa e Viaggio al centro della Terra 3D.

Fonti:  www.mymovies.it/boxoffice/italia/top20/  www.acec.it  http://trovacinema.repubblica.it

DA VEDERE: i migliori 10

1.      The Millionaire (3,7/5) VISTO: 4/5

2.      Lasciami entrare (3.6/5)

3.      Valzer con Bashir (3.5/5) VISTO: 3.5/5

4.      Il bambino con il pigiama a righe (3,4/5)

5.      Un matrimonio all’inglese (3.3/5)

6.      Yes Man (3.3/5)

7.      L’ospite inatteso (3,3/5)    VISTO: 3/5

8.      La felicità porta fortuna – Happy … (3,2/5)

9.      La Duchessa (3.2/5)

10.      Madagascar 2 (3,2/5) VISTO: 3,1/5 Box Office Italia 1 – 10 09/01/2009

Sette anime
Un film di Gabriele Muccino
con Will Smith
Drammatico – USA, 2008
Incasso €: 3.896.159 (totale: 3.896.159)

(mymonetro: 3,03)

La seconda volta di Muccino in America “ridistribuisce” la felicità e ricerca la redenzione Consigliato: Sì Un melodramma tra paradossi folli e finali consolatori
 DI FRANCESCO BOLZONI (www.avvenire.it ) Se il negativo della vita, quello vero, era tenuto alla larga in «La ricerca della felicità», esso al contrario domina il secondo incontro Smith-Muccino, «Sette anime». Qui il protagonista è scosso da una crisi che coinvolge addirittura un dato metafisico. Un uomo che ha prodotto morte come può rimediare? Alla domanda Muccino dà una risposta squisitamente laicista, la sola che forse un mondo laicizzato potrà intendere. Fa salvare al protagonista sette anime dando loro la possibilità di vivere una vita che dovrebbe finire fornendo parti del proprio corpo. Questo comporta la soluzione del suicidio, ossia una scelta che grida vendetta proprio al proclamato senso di colpa e che il protagonista urla alla voce del telefono amico – un cieco di forte sensibilità musicale – di accorrere perché un uomo sta per suicidarsi. Il senso di colpa spinge Ben (interpretato da un Will Smith cupo) a donare i propri organi a persone innocenti, anzi alle più innocenti delle perone che sceglierà da una lista. Perché lo faccia lo si viene a sapere verso il finale. Un espediente narrativo centrale per la trama viene quindi posto quasi alla fine della storia che resterà almeno all’inizio misteriosa. Ben sceglie di opporsi a quello che egli chiama destino.
  Ricerca persone in sofferenza, ne diventa amico. Ma una delle prescelte, Emily Rosa (Rosaria Dawson), in attesa di un trapianto di cuore, si innamora di lui… E torna così, spietato, nel protagonista l’interrogativo sulla vita, su Dio e su una decisione che secondo un modo di pensare non cristiano Ben aveva preso. Ma il senso di colpa non si annulla in lui (vedi la sequenza con cui il film inizia). La scelta di restituire la vita ai migliori fra i sofferenti proposta dall’ideologia del film farà molto discutere gli spettatori, e non obbligatoriamente i soli cattolici dato che dà una risposta folle a un problema che inquieta e spaventa pervenendo a un finale consolatorio.
ACEC: Complesso/velleitario Valutazione Pastorale: Nel 2006 “La ricerca della felicità”, primo film di Gabriele Muccino nel cinema americano, fu accolto da un incoraggiante successo. Così il protagonista Will Smith, attore/divo, lo ha confermato ed eccoli di nuovo a lavorare insieme. La storia però è completamente diversa, forse troppo, e corre su un binario a forte rischio di credibilità. Il copione é aggrovigliato oltre misura (i ‘sette’ destinatari ad esempio non si vedono, forse sono stati tagliati?) ma, soprattutto, è molto ambizioso. Si parla di uno che, per espiare la colpa commessa, decide di pagare a sua volta con la vita, sacrificandosi per gli altri. Un tema ‘alto’ che ben presto sfugge di mano sia al regista (ingabbiato da una regia tutta primi piani, voce f.c., tempi troppo dilatati) sia all’attore (Will Smith attraversa la vicenda con una sola, immobile, dolente espressione, senza una sola sfumatura), provocando un pasticcio incomprensibile. Così il dramma dell’uomo non viene mai veramente fuori, non coinvolge e vira in una serie di inopportune emozioni molto ‘costruite’, artificiose, telefonate (vedi nel finale l’abbraccio tra Emily e Ezra, con contorno di lacrime e pianti). Il film in questo modo, più che irrispettoso o banalizzante verso altri modi di raccontare le strade del ‘sacrificio’, risulta presuntuoso, prendendosi troppo sul serio. Dal punto di vista pastorale, é da valutare come complesso e nell’insieme velleitario.

Sette anime

Yes Man
Un film di Peyton Reed
con Jim Carrey
Commedia – USA, 2008
Incasso €: 2.526.020 (totale: 2.526.020)
Non convince del tutto Yes Man di Peyton Reed con Jim Carrey nei panni di un banca­rio depresso che dopo aver partecipato al meeting di un guru fanatico e vagamente new age comincia a dire di si a tutto, riscoprendo l’entusiasmo per la vita. Sembrerebbe un o­bamiano «yes, we can» a spingere il protago­nista verso nuove avventure, in realtà è solo una nuova nevrosi guardata con sospetto dal­­l’FBI e non priva di risvolti tragicomici. La giu­sta via sta, ovviamente, nel mezzo. (mymonetro: 3,64)
Consigliato: Sì

Yes Man

Madagascar 2
Un film di Eric Darnell, Tom McGrath.
Animazione – USA, 2008
Incasso €: 1.018.896 (totale: 24.058.072)

(mymonetro: 3,13)

Alex il leone, Marty la zebra, Melman la giraffa e Gloria l’ippopotamo protagonisti di Madagascar 2 – Via dall’isola nel quale i quattro animali fuggiti dallo zoo newyorkese nel precedente episo­dio tentano di fare ritorno alle co­modità urbane. Si ritrovano invece nelle vaste pianure africane dove scopriranno l’esistenza dei propri si­mili, addirittura di una famiglia, e sa­ranno nuovamente costretti a met­tere alla prova l’amicizia che li lega. Veloce, colorato, ricco di citazioni e parodie, costellato di brillanti dialo­ghi, il film è attraversato da una ve­na di irriverente follia in grado di soddisfare anche i palati adulti. ACEC: Accettabile/brillante * Consigliato: Sì VISTO: 7+ Un cartone animato brioso, divertente, dalla morale edificante e convincente. Forse ancor più riuscito della prima parte. Da vedere. VIDEORECENSIONE: http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abf…

Madagascar 2

Natale a Rio
Un film di Neri Parenti
con Christian De Sica
Commedia – Italia, 2008
Incasso €: 681.060 (totale: 24.206.921)
(mymonetro: 2,54) Cinepanettone numero 25. Ch­ristian De Sica, Massimo Ghini, Michelle Hun­ziker, Fabio De Luigi e Paolo Conticini sono tra i protagonisti di Natale a Rio di Neri Parenti che questa volta sposta vacanze e tradimenti, bugie ed e­quivoci, sole e canzoni in Brasile.  L’ordine dei fattori può essere inver­tito, ma il prodotto non cambia. ACEC: Inconsistente/grossolanità Valutazione Pastorale: Forse il motivo per cui questo “Natale a Rio” resterà più noto di altri é legato all’etichetta affibbiatagli dalla produzione: con questo titolo compie 25 anni il film di Natale targato Filmauro. Di più sembra oggettivamente difficile dire. De Sica replica se stesso, con notevole dedizione professionale il cui limite è imposto proprio dalle (ridotte) esigenze dalla storia. De Sica/Ghini come Totò/Peppino De Filippo: nel bene e nel male. Il canovaccio degli equivoci passa indenne al trascorrere degli anni. Gli ingredienti sono quelli consueti, la farsa si ripete senza tanti scrupoli. Dal punto di vista pastorale, il film é da valutare come inconsistente, e segnato da varie (e alcune evitabili) grossolanità.
Videorecensione: http://trovacinema.repubblica.it/multimedia/dagostini/Nat… Consigliato: No

Natale a Rio

Un matrimonio all’inglese
Un film di Stephan Elliott
con Jessica Biel, Colin Firth
Commedia – Gran Bretagna, 2008
Incasso €: 609.490 (totale: 609.490)
(mymonetro: 3,33) Brillante e ottimamente interpretata la com­media Matrimonio all’inglese di Stephen El­liot in cui una giovane americana appena di­vorziata, sposa un ragazzo inglese e incontra la famiglia super snob del marito. Tratto dal­la piece teatrale di Noel Coward, che nel 1927 aveva ispirato anche Fragile virtù di Alfred Hitchcock, il film ironizza su tabù e desideri repressi della middle class inglese, ma il tema dell’eutanasia che si insinua attraverso l’o­scuro passato della bella americana viene af­frontato con superficialità. ACEC: Consigliabile/brillante
Consigliato: Sì

Un matrimonio all'inglese

Come un uragano
Un film di George C. Wolfe
con Diane Lane, Richard Gere
Drammatico – USA, 2008
Incasso €: 367.280 (totale: 6.040.384)

(mymonetro: 2,79)

Richard Gere e Diane Lane, per la terza volta in­sieme sullo schermo, si cimentano in una storia di amore e morte, lettere e parole non dette, fallimenti e rina­scite a partire dal romanzo di Ni­cholas Sparks. Consigliato: Nì

Come un uragano

The Strangers
The StrangersUn film di Bryan Bertino.
Thriller – USA, 2008
Incasso €: 341.728 (totale: 1.863.984)
(mymonetro: 2,67) Prendendo spunto da un fatto di sangue realmente accaduto, Bryan Bertino porta sullo schermo un trattato su come si costruisce la tensione
Consigliato: Nì

 

Il cosmo sul comò
Un film di Marcello Cesena
con Aldo Baglio, Giovanni Storti, Giacomo Poretti
Commedia – Italia, 2008
Incasso €: 327.005 (totale: 12.981.624)

(mymonetro: 2,06)

Lontani dalla volgarità dei cinepa­nettoni, Aldo Giovanni e Giacomo tentano con Il cosmo sul comò, film diretto da Marcello Cesena in quat­tro episodi collegati da una surreale cornice, di divertire il pubblico per­correndo anche strade diverse dalla comicità alla quale ci hanno abitua­to. Tra famiglie in par­tenza per le vacanze ma costrette a bivaccare nel prato di San Siro e preti di campagna decisi a ve­nire a capo di loschi af­fari, magiche pinacote­che con personaggi che passano da un quadro all’altro a coppie dispo­ste a tutto pur di avere un figlio, il film esplora ge­neri e stili diversi, ma con l’unica eccezione del segmento Temperatura basale, gli episodi trabal­lano nella struttura nar­rativa che non riesce mai a risolversi nel finale. Consigliato: No

Il cosmo sul comò

Lasciami entrare
Un film di Tomas Alfredson.
Horror – Svezia, 2008
Lasciami entrareIncasso €: 238.948 (totale: 238.948)
(mymonetro: 3,66) Ha per protagonisti due bambini, ma non è un film per i più pic­coli Lasciami entrare dello svedese To­mas Alfredson che attraverso la storia di una piccola vampira divenuta amica di un bam­bino vittima dei bulli della sua scuola rac­conta con romanticismo e poesia il dolore dell’infanzia e la potenza dell’amore con un finale aperto a più interpretazioni. ACEC: Complesso/superficialità
Consigliato: Assolutamente Sì

 

10° Il bambino con il pigiama a righe
Un film di Mark Herman.
Drammatico – USA, 2008
Incasso €: 208.821 (totale: 1.959.091)

(mymonetro: 3,58)

il pic­colo Bruno, figlio di un ufficiale na­zista, lascia Berlino con tutta la fa­miglia per trasferirsi in una desola­ta abitazione nei pressi di un campo di concentramento. Convinto che il lager sia una fattoria, Bruno si spin­ge fino al filo spinato che delimita l’inferno e diventa amico di un coe­taneo ebreo al quale fa visita ogni giorno. Tratto dal romanzo per ra­gazzi di John Boyne e completa­mente ancorato al punto di vista del protagonista, il film è un inno al­l’immaginazione infantile, una fa­vola nerissima su odio e pregiudizio destinati a sopravvivere come un vi­rus. Vedi anche: Esce in Italia il film “Il bambino con… Consigliato: Sì

Il bambino con il pigiama a righe

11° The Millionaire
Un film di Danny Boyle.
Commedia – Gran Bretagna, USA, 2008
The MillionaireIncasso €: 174.826 (totale: 2.080.520)
(mymonetro: 3,75) Jamal, un ragazzo di Bombay cresciuto per strada, che sta partecipando al quiz Chi vuol essere milionario?, la tensione in studio è palpitante e davanti ad un pubblico incredulo il giovane sta per rispondere all’ultima e decisiva domanda, che potrebbe fargli vincere 20 milioni di rupie. Prem Kumar, conduttore dello show, prende in antipatia il ragazzo, lui stesso proviene dalla strada e non si capacità come un ragazzo di tale estrazione possa conoscere tutte le risposte. Jamal viene arrestato ed interrogato dalla polizia con l’accusa di imbroglio, da quel momento il ragazzo ripercorre le tappe della sua vita, da quando era un bambino di strada fino la storia con la ragazza da lui amata e perduta. Consigliato: Assolutamente Sì ACEC: Raccomandabile/problematico/dibattiti * * * VISTO: 8,5 (4,1). Capita raramente di vedere film dal grande impatto visivo ed emotivo, capaci di far sorridere, riflettere, commuovere, tenere in tensione. Dietro la storia del giovane-prodigio (o è solo baciato dalla fortuna?) c’è l’India moderna con tutte le sue contraddizioni, c’è la globalizzazione che livella ogni cultura mondiale, c’è il desiderio di riscatto, il sogno che si trasforma in realtà, l’amore che vince ogni cosa. Ma è solo una favola? Sarà, ma è da non perdere! VEDI ANCHE: The millionaire, raccomandato dall’ACEC Videorecensione: http://trovacinema.repubblica.it/multimedia/dagostini/The…

 

12° La Duchessa
Un film di Saul Dibb.
Drammatico – Gran Bretagna, Francia, Italia, 2008
Incasso €: 141.185 (totale: 1.931.803)
Film in costume che in parte rivoluziona la figura femminile del ‘700 attraverso le gesta dell’Imperatrice della moda (mymonetro: 3,23) Convince La duchessa di Saul Dibb, con Keira Knightley nei panni di Georgiana, destinata a diventare Duchessa di Devonshire. Il matri­monio combinato con l’algido duca di Cavendish sarà un incubo che tra­scinerà la giovane nobildonna, dalla quale il marito cerca solo un erede maschio, in un in­ferno fatto di eccessi, alcol e gioco d’azzardo. Realmente vissuta nel Di­ciottesimo secolo, la ribelle Geor­giana, vera e propria star dell’epoca, mostra tra le righe della sua triste storia anche la drammatica vicenda di Lady Diana Spencer, sua diretta discendente.
 Consigliato: Sì   VISTO: 7- (2,9/5): Un film in costrume affascinante e visivamente coinvolgente. Rimane tuttavia confinato in una storia di tradimenti e frustrazioni dove la società è una gabbia che obbliga a vivere secondo dure regole. Interessante.

 

13° L’ospite inatteso
Un film di Thomas McCarthy.
Commedia – USA, 2007
Incasso €: 134.195 (totale: 1.086.872)

(mymonetro 3,18 stelle)

Consigliato: Sì   VISTO: 7. Un film che sembra ben poco americano: lento, civile, delicato. Con un inizio volutamente soporifero volto a mostrare la vita non vissuta dal professore, incapace di rapporti umani, incapace di appassionarsi. In realtà anche in lui batte, sopita, la passione. Una passione civile che richiede l’incontro concreto con chi è ingiustamente rifiutato e messo alla porta. Interessante. ACEC: Accettabile/problematico/dibattiti * VIDEORECENSIONE: http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abf…

 

14° Il giardino di limoni
Un film di Eran Riklis.
Drammatico – Israele, Germania, Francia, 2008
Incasso €: 112.643 (totale: 660.160)
(mymonetro 3,17 stelle) Una donna palestinese è proprietaria di un bellissimo giardino di limoni. Il ministro della difesa israeliano compra la casa adiacente per andarci ad abitare con la famiglia e ordina che i limoni vengano abbattuti per timore che vi si possano nascondere dei cecchini.
Consigliato: Sì
Videorecensione: http://trovacinema.repubblica.it/multimedia/dagostini/Il-…

 

15° Valzer con Bashir
Un film di Ari Folman.
Drammatico – Israele, Germania, Francia, 2008
Incasso €: 97.572 (totale: 97.572)
(mymonetro: 3,48)
Consigliato: Sì E’ stata una delle sorprese dell’ultimo Fe­stival di Cannes e ora, drammatica­mente in sintonia con la ripresa delle ostilità tra Israele e Palestina, arriva nelle sa­le il suggestivo Valzer con Bashir, documen­tario di animazione dell’israeliano Ari Fol­man che mette in scena il proprio percorso alla ricerca di memorie perdute. Il regista i­n­fatti nulla ricorda della sua missione duran­te prima guerra del Libano, negli anni Ottan­ta (Bashir era il presidente libanese assassi­nato nel 1982). Incuriosito da questa miste­riosa amnesia decide di intervistare vecchi a­mici e compagni per scoprire la verità su quanto accadde a quel tempo, una verità che fatica ad emergere, ma che una volta chiari­ta rivela il trauma subito in seguito al massa­cro di Sabra e Shatila di cui si macchiarono i Cristiani Falangisti. VISTO: 7,5 (3,5/5) Un originale documentario animato che rende, con tecniche di animazione scarne, ma sorprendentemente affascinanti, vive e pungenti le memorie degli ex-soldati che hanno vissuto e spesso rimosso i momenti drammatici della guerra del Libano. Con amara ironia e vene di grottesco rielabora e cerca di far luce negli episodi particolarmente oscuri e inquietanti della storia israeliana. Un affresco potente contro la guerra che porta ogni uomo a dare il peggio di sè. ACEC: Consigliabile/problematico/dibattiti VIDEORECENSIONE: http://trovacinema.repubblica.it/multimedia/dagostini 

 

16° Lissy – Principessa alla riscossa
Un film di Michael Herbig.
Animazione – Germania, 2007
Incasso €: 80.557 (totale: 430.216)
(mymonetro 1,94 stelle) In un paese neanche troppo lontano e nell’epoca d’oro della dinastia asburgica, vive la principessa Lissy, consorte felice e svampita del Kaiser Franz. Tra canzoni stonate, banconote bruciate e siparietti licenziosi, la loro principesca vita matrimoniale procede spensierata. A interromperla provvederà uno yeti maldestro e gigante che rapirà Lissy per consegnarla a un (povero) diavolo dalla personalità dissociata. Ma l’indiscutibile fascino della principessa, l’ostinato amore di Franz, l’abnegazione del fedele feldmaresciallo e una consuetudine burocratica risolveranno l’affaire e restituiranno i principi, felici e contenti, ai loro valzer, al loro amore e al loro lieto fine. Consigliato: No

 

17° Come dio comanda
Un film di Gabriele Salvatores.
Drammatico – Italia, 2008
Incasso €: 56.288 (totale: 3.321.205)

(mymonetro: 2,96)

Salvatores rilegge con sensibilità registica la favola nera di Ammaniti Consigliato: Sì

 

18° The Spirit
Un film di Frank Miller [II].
Azione – USA, 2008
Incasso €: 48.000 (totale: 2.162.368)
(mymonetro 3,11 stelle) Un’atmosfera emozionante e carica di tensione, nel sinistro mondo di un eroe nato, morto, e resuscitato dalle tenebre Delude The Spirit scritto e di­retto da Frank Miller a partire dal fumetto di Will Eisner: nonostante il cast stellare e lo stile raffinato, il film scivola su dialoghi inascoltabi­li e personaggi spesso involontariamente ridi­coli.   ACEC: Discutibile/crudezze Consigliato: Nì

The Spirit

19° La felicità porta fortuna – Happy Go Lucky
Un film di Mike Leigh.
Commedia – Gran Bretagna, 2008
Incasso €: 32.163 (totale: 843.115)
(mymonetro 3,28 stelle) Poppy è una giovane insegnante in una scuola elementare. Uno spirito libero, aperta e generosa, simpatica e anarchica, ma anche in grado di essere concentrata e responsabile. Ha tempo per tutti e chiunque la incontri si innamora di lei. Anche se si trova a suo agio nel suo status di single, incontra al lavoro un uomo e tra loro scatta qualcosa. ACEC: Discutibile/problematico/dibattiti * *
Consigliato: Sì

La felicità porta fortuna - Happy Go Lucky

20° Stella
Un film di Sylvie Verheyde.
Drammatico – Francia, 2008
Incasso €: 28.519 (totale: 273.061)
1977. Stella, undici anni, vive appena fuori Parigi in un quartiere operaio. Ammessa a frequentare una prestigiosa scuola parigina, incontra Gladys, la figlia di due intellattuali ebrei argentini. La sua nuova migliore amica la aiuterà a muovere i primi passi nel mondo reale. Consigliato: Sì

Stella

Prossimamente al cinema

venerdì 16 gennaio

Viaggio al centro della Terra 3D

Australia Baz Luhrmann esplora l’Australia con sentimento smisurato, denunciando lo scandalo delle “generazioni rubate” Consigliato: Assolutamente Sì

Imago Mortis

Appaloosa Ed Harris si inventa l’avamposto di un (aggiornato) sogno epico, frequentato da uomini veri, da gente che non spara alle spalle Consigliato: Assolutamente Sì

Beverly Hills Chihuahua Film Disney per bambini che ci ricorda quanto i tempi siano cambiati dai classici. Consigliato: Nì

Tony Manero Tony Manero dimostra anche quanto la cultura pop americana abbia influenzato il mondo sudamericano. Consigliato: Sì

Vuoti a rendere

CINEMA: Box office e GUIDA ai film in circolazioneultima modifica: 2009-01-12T16:53:00+01:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento