La svolta di Benedetto

di Ignazio Ingrao, PANORAMA di giovedì 21 maggio 2009

In Terra Santa il Pontefice ha voluto promuovere il “dialogo trilaterale” fra religioni e denunciare ingiustizie e violenze compiute in nome di Dio. Sostenuto da un team d’eccezione: la squadra di Wojtyla

 Comincia da Gerusalemme la svolta di Benedetto XVI. Il viaggio pellegrinaggio in Terra santa segna un punto di non ritorno del pontificato, «Tutti si preparano ad accaparrarsi la parte migliore della torta che questa visita rappresenta»aveva detto il patriarca di Gerusalemme dei Latini, Fuad Twal, cercando di dissuadere il Papa dal progetto. «Due mesi sono troppo pochi per organizzare la visita» aveva rincarato la dose il custode di Terra santa, padre Pierbattista Pizzaballa. «La guerra di Gaza potrebbe suggerire un rinvio» aveva osservato il cardinale Leonardo Sandri, prefetto della Congregazione per le chiese orientali. Il Papa non ha dato retta ai suoi collaboratori e ha voluto recarsi lo stesso in Giordania, Israele e nei Territori palestinesi per un viaggio dai ritmi degni di Giovanni Paolo Il. Perché tanta determinazione? Anzitutto per sostenere i cristiani in Terra santa, che sono stati decimati dall’emigrazione: nel 1947 in Israele erano circa il 7 per cento della popolazione, oggi sono meno del 2 per cento (circa 130 mila persone). Ma soprattutto il Papa ha volUto inaugurare una nuova stagione dì dialogo tra le religioni. Fino a ieri Joseph Ratzinger si è concentrato sul «dialogo tra le fedi», secondo l’impostazione che lui stesso ha fissato nel 2000 con il discusso documento Dominus Iesus: la salvezza è solo nella fede cattolica, nelle altre confessioni ci sono germi di verità che possono essere valorizzati nel dialogo che parte dai più vicini, i cristiani ortodossi, per arrivare ai più lontani, i musulmani, passando per i protestanti e gli ebrei. Oggi Benedetto XVI mette da parte il dialogo tra le fedi e inaugura il «dialogo tra le religioni» intese come insieme di credenze, tradizioni e culture. E, per la prima volta dall’inizio del pontificato, pone le tre grandi religioni monoteiste (Cristianesimo, Islam ed Ebraismo) sullo stesso piano. Il Papa vuole promuovere un «dialogo trilaterale» spiega Gian Maria Vian, direttore dell’Osservatore romano, volto ad arrestare «le ingiustizie, i soprusi, le violenze» compiUti in nome di Dio. Ma per avere successo in questa impresa, raccomanda Ratzinger, le tre grandi religioni devono fare affidamento sulla ragione, «illuminata dalla fede nell’unico Dio».

Si tratta di una profonda evoluzione nel pensiero del Papa, conseguenza dei malintesi e delle polemiche seguiti al discorso di Ratisbona del 2006, per quanto riguarda il rapporto con i musulmani, e al caso Williamson (il vescovo lefebvriano negazionista), a proposito del dialogo con gli ebrei. Ma non tutti apprezzano l’iniziativa del Papa tedesco, che condanna integralismi e fondamentalismi di ogni religione, come ha dimostrato il viaggio in Terra santa. Da qui nascono le resistenze e le proteste che hanno accompagnato la visita di Benedetto XVI: i musulmani hanno criticato il riferimento al vincolo che unisce ebrei e cristiani, espresso dal Papa sul Monte Nebo, in territorio arabo-musulmano. I cristiani hanno lamentato il fatto che, giunto a Gerusalemme, il Pontefice abbia visitato anzitutto lo Yad Vashem, il memoriale ebraico dell’Olocausto. E i rabbini 110n sono stati soddisfatti dal discorso del Pontefice al memoriale. «Il Papa chiede alle religioni di voltare pagina e intraprendere un cammino per la pace capace di superare i vecchi schemi» commenta Ernesto Olivero, fondatore del Sermig di Torino, che da sei anni è presente in Giordania con iniziative di volontariato che coinvolgono giovani di diverse religioni. Consapevole dei rischi di questa nuova offensiva teologico-diplomatica, Benedetto XVI ha richiamato in campo una parte della vecchia squadra di Karol Wojtyla, facendo come quegli allenatori che in vista della partita più difficile convocano i giocatori più esperti. Perciò a Gerusalemme sono rientrati in gioco svariati esponenti della curia di Giovanni Paolo II, a fianco del segretario di Stato, Tarcisio Bertone. Grazie al lavoro dell’ ex ministro degli Esteri vaticano, oggi presidente del Pontificio consiglio per il dialogo interreligioso, Jean Louis Tauran, la visita del Papa alla moschea di Amman è stata un successo. Il cardinale Walter Kasper, presidente del Pontificio consiglio per l’unità dei cristiani, coadiuvato da padre Norbert Hofmann, segretario della Commissione per i rapporti religiosi con l’Ebraismo, ha reso possibile la visita di Benedetto XVI allo Yad Vashem nonostante l’incidente diplomatico provocato dal caso Williamson. L’ex sostituto alla segreteria di Stato, cardinale Leonardo Sandri, promosso da Ratzinger a prefetto della Congregazione per le chiese orientali, ha convinto le comunità cristiane a sostenere la visita del Papa. Il sottosegretario vaticano per i rapporti con gli stati, monsignor Pietro Parolin, ha portato il negoziato sull’accordo economico con Israele fino a un passo dalla conclusione. L’ex nunzio della Santa sede in Iraq, Femando Filoni, oggi sostituto alla segreteria di Stato, ha propiziato l’incontro tra il Papa e i rifugiati iracheni accompagnato da un forte richiamo di Benedetto XVI alla protezione dei cristiani in quel paese. Le prossime tappe saranno la verifica della possibilità di organizzare un sinodo per le chiese del Medio Oriente chiesto da alcuni vescovi e patriarchi; l’allargamento del Forum cattolico-musulmano, animato dal principe giordano Ghazi Bin Talal e dal cardinale Tauran; l’approfondimento del dialogo teologico e biblico con gli ebrei. L’obiettivo non è solo «favorire la permanenza dei cristiani in Medio Oriente ma far sì che diventino autentico fattore di equilibrio e anima del processo di pace nell’area» spiega il vescovo maronita Boulos Sayaah. È la nuova geopolitica di Benedetto XVI che proietta la teologia nell’ orizzonte delle relazioni internazionali.

La svolta di Benedettoultima modifica: 2009-05-15T15:57:53+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento