Libia – Italia – Europa rapporti imbarazzanti

Il 2 settembre scorso abbiamo espresso il nostro disgusto per lo “spettacolo indecoroso” in onore di Gheddafi preparato dal capo del governo che ha ostentatamente baciato la mano al dittatore trascurando completamente ogni accenno alla violazione dei diritti umani, alla tragica sorte delle vittime dei respingimenti, a chi muore nel deserto o nelle prigioni libiche. Ora la repressione delle rivolte è spietata. Gruppi armati sparano sulla folla che viene anche bombardata.

Le armi fornite dall’Italia al Colonnello Gheddafi in questi ultimi anni (in particolare elicotteri e aeromobili, bombe, razzi e missili) sono forse state in prima linea nella sanguinosa repressione di questi giorni della popolazione civile libica, che sta protestando pacificamente contro il regime. Basterebbe questo a dare forza alla richiesta di sospensione di ogni forma di fornitura di armamenti e di cooperazione militare col governo libico che la Rete Italiana per il Disarmo (coordinamento che raccoglie oltre 30 organismi italiani impegnati sul tema del controllo degli armamenti) e la Tavola della Pace rivolgono in queste ore concitate e dolorose al Parlamento e al Governo italiano.

 

… Che un sussulto di dignità ci faccia correre al riparo con la condanna decisa della violenza e con l’accoglienza, con parole chiare e braccia aperte ai poveri e non ai dittatori.
Leggi tutto: Complici

Guarda la puntata integrale di Otto e mezzo dedicata alla Libia: L’Italia e il genocidio libico 

Il petrolio, il gas, le ondate bibliche di migranti. Così il Vecchio Continente si mostra terrorizzato dalla crisi di un Paese (la Libia) con 6,5 milioni di abitanti.
Leggi tutto: L’Europa ha paura della Libia

Libia – Italia – Europa rapporti imbarazzantiultima modifica: 2011-02-24T18:09:05+01:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento