Il “ministro” Sacconi e la barzelletta che non ci fa ridere… ma ci indigna

… E invece non posso tacere su questa barzelletta del ministro Sacconi. Non ci sono parole. C’è da vergognarsi. E prima di tutto chiedo io scusa in prima persona, come uomo, a tutte le suore e a tutte le donne. Lo stupro è una tragedia, non è lecito scherzarci su! A meno che non si pensi che tutto sommato, spesso la violenza è anche colpa della donna consenziente. Temo che il ministro la pensi un po’ così, o almeno così sembra di intuire dalla barzelletta raccontata. Ma lo sa il ministro, o bisogna fargli il disegno, che ci sono donne che vengono stuprate davvero? Che la stessa cosa capita anche ad alcune suore, in luoghi spesso segnati da guerre e conflitti? Spesso lo stupro è un’arma di guerra…

Accade in Italia. Accade che un ministro della Repubblica, commentando una vicenda politico -sindacale, ricorra ad una barzelletta che, in sostanza, nega l’esistenza della violenza sessuale…
Il “ministro” Sacconi e la barzelletta che non ci fa ridere… ma ci indignaultima modifica: 2011-09-10T15:42:53+02:00da borgosotto
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento