Un consiglio a “papi”: censura la Bibbia, è sovversiva e anche un po’ volgare

di Erri De Luca Il prossimo, lo straniero, l’altro: che farsene è l’ordine del giorno di un paese fragile di nervi. La geografia d’Italia è spudoratamente spalancata agli sbarchi e alle invasioni. Oltre alle mille miglia di coste, le Alpi, anziché sbarramento, sono servite da scivolo di eserciti verso le vallate. Popoli, schiere, epidemie, espulsioni, pellegrinaggi hanno premuto con più … Continua a leggere

Perché dobbiamo dire grazie allo straniero che è tra noi

di Dionigi Tettamanzi, LA REPUBBLICA, 11.5.09 Mi verrebbe d’iniziare con l’antica citazione biblica: “Amate dunque il forestiero, poiché anche voi foste forestieri nel paese d’Egitto” (Deuteronomio 10,19). Come a dire, che il fenomeno migratorio, sia pure in modalità e intensità diverse, accompagna sempre la storia dei popoli. E che esso deve suscitare, come prima e più immediata forma di solidarietà, … Continua a leggere